Museum

ESCHER MUSEUM, DEN HAAG - 2012

 

Il museo è ospitato nel Lange Voorhout Palace, ex residenza reale risalente al XVIII secolo. La regina Emma comprò il palazzo nel 1896. Fu usato come un palazzo d'inverno dal marzo 1901 fino alla sua morte nel marzo 1934. E 'stato utilizzato da quattro successive regine olandesi per i loro uffici, fino a quando la regina Beatrice ha spostato la sede nel Palazzo Noordeinde.

Il museo ospita una mostra permanente di un gran numero di xilografie e litografie di MC Escher, tra i quali le stampe di fama mondiale, Aria e Acqua (uccelli che diventano pesce); Belvedere (dentro e fuori di una follia); Cascata (dove l'acqua sembra scorrere verso l'alto); Disegno (due mani disegnare ogni altro).

Escher nel Het Paleis mostra i primi incantevoli paesaggi italiani, numerose stampe a specchio e una scelta di disegni "a tasselli", oltre alle tre versioni della Metamorfosi: dal primo piccolo, al terzo, di 7 metri.

Il terzo piano del museo è dedicato alla illusione ottica, oltre alla famosa Camera di Escher in cui gli adulti sembrano essere più piccoli dei loro figli, gli occhi sono disorientati dalle molteplici esposizioni interattive.

Nelle sale del museo vi sono quindici lampadari realizzati dall'artista di Rotterdam, Hans van Bentem. L'artista li ha progettati espressamente per il museo, con alcuni riferimenti al lavoro di Escher ed in sintonia col Palazzo.

Nella sala da ballo, un lampadario a stella senza fine si riflette nei due specchi.
Il pavimento in parquet nel Palazzo è stato progettato nel 1991/92 dall'artista minimal americano Donald Judd, in occasione dell'apertura del palazzo Reale come un palazzo espositivo.


© Toni Garbasso